Lettera del parroco p. Giorgio e dei confratelli alle famiglie di Povo e Villazzano

“Accadono cose che un tempo la nostra ragione non avrebbe creduto possibili. Ma forse possediamo altri organi oltre la ragione, organi che allora non conoscevamo e che potrebbero farci capire questa realtà sconcertante. Io credo che per ogni evento l’uomo possieda un organo che gli consente di superarlo. Leggi “Lettera del parroco p. Giorgio e dei confratelli alle famiglie di Povo e Villazzano”

Laudato si’

LAUDATO SI’ – Un anno speciale

Download: papa-francesco – enciclica-laudato-si

Dopo la settimana (dal 16 al 24 maggio) dedicata al quinto anniversario della pubblicazione dell’Enciclica Laudato Si’, papa Francesco alla preghiera dell’Angelus proprio di domenica 24 maggio ha annunciato che questo primo lustro sfocerà in un anno speciale di anniversario dell’enciclica, “un anno speciale -ha detto papa Francesco- per riflettere, dal 24 maggio di quest’anno fino al 24 maggio del prossimo anno”. “Invito tutte le persone di buona volontà – ha aggiunto Francesco – ad aderire per prendere cura della nostra casa comune e dei nostri fratelli e sorelle più fragili”.

 Don Cristiano Bettega, Delegato dell’area Testimonianza e Impegno Sociale, ha pensato ad una

riflessione proprio per quest’occasione

«Da che mondo è mondo». È un’espressione che usiamo, ogni tanto, per parlare di un tempo lunghissimo, di qualcosa che dura da sempre. A fronte di questo, i due mesi di blocco quasi totale di molte attività umane, a partire da una limitazione fortissima dei trasporti e quindi dell’uso di carburante, a detta degli studiosi hanno provocato una boccata d’ossigeno per l’ecosistema della Terra. Due mesi. Che a noi sono sembrati eterni, ma che di fronte all’età del pianeta sono l’equivalente di una frazione di nanosecondo della vita di un uomo. Un niente, meno ancora che un batter di ciglia. Almeno due le considerazioni possibili, credo. Leggi “Laudato si’”

Lettura – L’invito del Papa. Sanificare l’umanità può anche santificarla

L’invito del Papa. Sanificare l’umanità può anche santificarla

Mimmo Muolo

Da Avvenire 18 Giugno 2020

Per chi preghiamo, di solito? Se qualche società specializzata promuovesse un sondaggio di questo tipo, molte categorie, a cominciare dai nostri cari, figurerebbero nell’elenco. Ma non sarebbe probabilmente una sorpresa trovare all’ultimo posto (o forse addirittura fuori classifica) quelli che il Papa ieri, nella catechesi del mercoledì, ha chiamato «i più brutti peccatori, la gente più malvagia, i dirigenti più corrotti». In sostanza, quelli che nei film o nei romanzi definiamo come ‘i cattivi’ e che purtroppo non mancano nella vita reale a tutti i livelli. Leggi “Lettura – L’invito del Papa. Sanificare l’umanità può anche santificarla”